The Roaring Twenties – 24 Febbraio

[singlepic id=416 w=400 h=566 float=center]
Note:

Siamo negli anni ’20, la Grande Guerra è appena finita, mentre la vecchia e stanca Europa tenta di ritrovarsi tra le macerie, gli Stati Uniti d’America entrano nella loro prima fase di esplosiva vitalità. Il Jazz e le flapper invadono le strade, le donne iniziano …a lottare per i loro diritti e nelle sale da ballo risuona il Charleston. L’Era Vittoriana è abbattuta dai nuovi schemi dell’espressionismo e del surrealismo. Tutto il mondo si prepara a volare con Lindbergh e a lasciarsi trasportare sulle ali del suo monoposto, verso il cielo, attraverso l’Atlantico, dritti tra le braccia della modernità. Subendo la spinta di questo vento di novità, prima dei giovedì neri e del disgregarsi dei mondi finanziari, ci proponiamo di costruire queste due serate per respirare l’ebbrezza di un modo che cambia, con leggerezza, ironia e la capacità di raccontarsi di un’era attraverso il Teatro.

Informazioni:

Data: 24 Febbraio ore 21.00
Luogo: Teatro “La Casetta”, Via Federico Borromeo 75, Roma
Spettacolo: “Quattordici” e “Lei dice e Lui dice” di Alice Gerstenberg
Recitano: Lucrezia Coletti, Emanuela Larosa, Martina Malfitana e Edoardo Massa.
Testi a cura di: Sabrina Merola, Fabio Durastante
Scene, costumi e trucco: Eleonora Casciani
Luci e audio: Fabio Durastante


Evento Facebook: http://www.facebook.com/events/143315192452319/

La Cantatrice Calva – ZappAttori

[singlepic id=409 w=420 h=590 float=center]

« Scrivendo questa commedia (poiché tutto ciò si era trasformato in una specie di commedia o anticommedia, cioè veramente la parodia di una commedia, una commedia nella commedia) ero sopraffatto da un vero malessere, da un senso di vertigine, di nausea. Ogni tanto ero costretto ad interrompermi e a domandarmi con insistenza quale spirito maligno mi costringesse a continuare a scrivere, andavo a distendermi sul canapè con il terrore di vederlo sprofondare nel nulla; ed io con lui. »

Eugène Ionesco

Note di Regia:

La nostra compagnia teatrale ha la cattiva abitudine di cimentarsi, ogni anno, in sfide sempre piu complesse, assurde e fuori portata. Questa volta abbiamo pericolosamente deciso di metterci alla prova, senza preoccuparci di esserne o meno all’altezza, con uno degli spettacoli più intriganti di Eugène Ionesco. Ci siamo imbattuti in quelli che a nostro avviso sono da sempre i nodi esistenziali dell’uomo: l’ipocrisia dei rapporti, la paura della routine, la banalità delle convenzioni sociali e soprattutto la difficoltà nel dare un senso all’esistenza. Questo spettacolo è la rappresentazione paradossale di ciò che accade quando il linguaggio perde di significato e il luogo comune diventa una comoda prigione in cui rifugiarsi, al riparo da ogni autentica comunicazione. Per quanto ci riguarda, la scelta è stata quella di proseguire sulla linea  dell’ambiguità racchiusa nel significato stesso dello spettacolo: quindi, nella nostra follia, non abbiamo fatto altro che assecondare il volere dell’autore sottolineando uno scenario comico-grottesco in cui i protagonisti recitano le proprie vite dialogando sul nulla. La parte più geniale di questa messa in scena, consiste nella libertà dei personaggi di rappresentarsi come meglio credono, poichè qualunque sia la loro chiave di lettura, saranno sempre intrappolati nelle loro abitudini, nelle figure retoriche che rappresentano e in quella che è la gabbia delle emozioni umane spesso insensate e contraddittorie. Ed è proprio questa sottile linea tra ironia e tristezza, tra frivolezze e pesanti verità che ci ha fatto avvicinare al teatro dell’assurdo; vi proponiamo perciò di seguirci in questo folle viaggio alla ricerca di un vero perché.

Lucrezia Coletti

Recitano:

Il signor Smith – Edoardo Massa
La signora Smith – Lucrezia Coletti
Il signor Martin – Fabio Ferrazza
La signora Martin – Emanuela Larosa
Mary – Martina Malfitana
Il pompiere – Radu Pislaru

Tecnici e Altri Contributi:

Voce Registrata – Matteo Bruno
Scene, Costumi e Trucco – Eleonora Casciani
Disegno Luci e Audio – Fabio Durastante

Date, Teatro e Orari:

Sabato 7 Gennaio – ore 21.00
Domenica 8 Gennaio – ore 18.00 e ore 21.00
Biglietto: 10 € (8 € + 2 € tessera)

Locandina, brochure e altro materiale:

La Cantatrice Calva – Locandina
La Cantatrice Calva – Volantino
Sito degli ZappAttori
Pagina Facebook

Eventi Facebook:

Spettacolo di Sabato 7 Gennaio: http://www.facebook.com/events/325811890778847/
Spettacolo di Domenica 8 Gennaio, sia ore 18.00 che ore 21.00: http://www.facebook.com/events/275484845836634/

Cartellone “Teatro la Casetta” 2011/12

[singlepic id=392 w=420 h=566 float=center]

Ecco il cartellone della nuova stagione del “Teatro La Casetta“, anche quest’anno siamo gentilmente ospitati come gli ZappAttori e porteremo in scena due spettacoli tema anni ’20. Noi vi terremo aggiornati, ma, mi raccomando, voi venite a Teatro.

Saggezza tramontante

[singlepic id=391 w=420 h=280 float=center]

This I say, and this I know:
  Love has seen the last of me.
Love’s a trodden lane to woe,
  Love’s a path to misery.

This I know, and knew before,
  This I tell you, of my years:
Hide your heart, and lock your door.
  Hell’s afloat in lovers’ tears.

Give your heart, and toss and moan;
  What a pretty fool you look!
I am sage, who sit alone;
  Here’s my wool, and here’s my book.

Look! A lad’s a-waiting there,
  Tall he is and bold, and gay.
What the devil do I care
  What I know, and what I say?

Wisdom, Dorothy Parker

Al margine, ma non troppo, questo Venerdì, cioè il 17 Settembre 2011, si terrà, presso il teatro stesso, l’inaugurazione della stagione del Teatro Aurelio. Nel programma della serata, che avrà inizio alle ore 20.00, dopo una breve presentazione delle attività del teatro la “Compagnia Stabile del Teatro Aurelio” e gli “ZappAttori” presenteranno i seguenti spettacoli teatrali:

1- “La Topastra” di Stefano Benni (ZappAttori)
2-“La Quercia del Tasso” di Achille Campanile (ZappAttori)
3- “L’anniversario” di Anton Cechov (Compagnia Stabile del Teatro Aurelio)
4- “Poesie” di Trilussa (ZappAttori)
5- “Il Funerale” di M. Lopez, T. Solenghi e A. Marchesini (ZappAttori)

La serata verrà presentata dall’attore e presidente di TeatroSenzaTempo Accademia Antonio Nobili. Nella galleria verranno esposti i lavori degli allievi del corso di Fotografia condotto da Pasquale Rianna. A seguire un ricco buffet! L’ingresso è libero su prenotazione da effettuare tramite un messaggio privato su Facebook o telefonando il pomeriggio allo 06.99705058.

I Volti della Follia – Fuga dalla quotidianità – 27 Maggio 2011

Vi aspettiamo il 27 Aprile 2011 alle ore 21.00 presso il teatro La Casetta sito in Via Federico Borromeo, 75 – Roma. Andremo in scena con lo spettacolo “Fuga dalla Quotidianità” una raccolta di monologhi di autori vari. Recitano: Marta Lapiana, “L’Orologio” di Dino Buzzati, Lucrezia Coletti “La Quercia del Tasso” di Achille Campanile, Martina Malfitana, “Santo Cielo” di un Anonimo, Emanuela Larosa, “La Topastra” di S. Benni, Edoardo Massa e Claudio Di Biaggio con una raccolta di versi e poesie da Trilussa. Trucco, scenografie e costumi di Eleonora Casciani. Audio e Luci di Fabio Durastante.

[singlepic id=275 w=285 h=404 float=center]

I Volti della Follia

Un itinerario teatrale fra le pieghe della mente, una ricerca dei legami che intercorrono tra realtà e immaginazione. Un frizzante viaggio in tre spettacoli sulle orme di Erasmo da Rotterdam per scoprire il fecondo rapporto tra Vita e Follia, per indagare il mondo attraverso la finzione, la maschera e il riso. Il percorso si snoderà partendo dall’Elogio, verso il teatro dell’assurdo di Pinter e il teatro di una quotidianità in fuga da se stessa; quotidianità che in un impeto di normalizzazione ha perso la sua essenza, che ridendo, con un po’ di follia, immaginazione e abbandono riprenderà.

Fabio Durastante

Link e informazioni:

Evento su Facebook.
Pagine Facebook degli ZappAttori.
Sito Web degli ZappAttori.
Scarica la locandina.