Ripoetandoci – Canino 18 Luglio 2009

[singlepic id=69 w=406 h=345 float=center]

Album fotografico facebook della serata: http://www.facebook.com/album.php?aid=120345&id=1088457546&l=1d83d6356

Eccoci di nuovo in sede narrativa di un evento. Ieri sera (il 18 Luglio 2009), in contemporanea all’apertura dei mondiali di nuoto (cosa non prevista in fase organizzativa), si è svolta a Canino una meravigliosa serata di poesia in piazza. Il bilancio dell’evento è decisamente positivo. La risposta del pubblico è stata buona, gli attori della compagnia teatrale di Liberamentegiovani (www.liberamentegiovani.net) sono stati semplicemente meravigliosi e il tutto si è svolto con la serenità e la tranquillità necessaria (magari la vicinanza della balera all’aria aperta ha un poco disturbato, ma è lo stesso). Già che ci sono, faccio di nuovo i complimenti a tutti.

Saluto riportando la poesia fatta leggere, un paio di versi a testa, a persone nel pubblico. Una poesia condivisa per rendere partecipe il pubblico dell’azione ripoetante.

Portami il girasole ch’io lo trapianti
nel mio terreno bruciato dal salino,
e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti
del cielo l’ansietà del suo volto giallino.

Tendono alla chiarità le cose oscure,
si esauriscono i corpi in un fluire
di tinte: queste in musiche. Svanire
è dunque la ventura delle venture.

Portami tu la pianta che conduce
dove sorgono bionde trasparenze
e vapora la vita quale essenza;
portami il girasole impazzito di luce.

Eugenio Montale