Rovine da salvare

[singlepic id=306 w=420 h=280 float=center]

“Avea raggiunto uno dei più alti fini della sua ambizione. In una contea nota per l’abbondanza di ruderi antichissimi; in un villaggio nel quale esistevano ancora delle memorie di un remoto passato, egli — presidente del Circolo Pickwick — avea scoperto una strana e curiosa iscrizione di incontrastabile antichità, che era sfuggita all’osservazione di molti eruditi che lo avevano preceduto.”

Charles Dickens – Il circolo Pickwick

Il monastero, di epoca basileana, della Lica (o dell’Alica), nella frazione di Pietrapennata, Palizzi, RC. Visitato nel corso di un trekking del festival Paleariza. Uno dei piccoli gioielli d’Italia e di Calabria che avrebbe un grande bisogno di essere valorizzato e difeso. Ci sarebbe da soddisfare almeno la necessità di recintare l’area per impedire al bestiame di entrare nei ruderi e di consolidare quello che resta delle mura e del campanile. Tentiamo almeno di salvare i gioielli di famiglia e di usarli per il rilancio dell’area.

Stone 72 – Palizzi Marina

[singlepic id=292 w=410 h=273 float=center]

“Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto
l’ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
è un dio che è morto.”

Francesco Guccini, Dio è Morto

Altra simpatica serata musicale, questa volta con gli Stone 72 sul lungo(corto)mare di Palizzi Marina. Una bella scelta musicale, ben accompagnata e discretamente eseguita.

Senzaterra – Palizzi Marina

“Se un batterio osservasse e studiasse l’unghia di un uomo, potrebbe crederla sostanza inorganica. Allo stesso modo noi, osservandone la crosta, consideriamo sostanza inorganica il globo terrestre. Ed è sbagliato.”

Lev Tolstoj

[singlepic id=290 w=450 h=300 float=center]

Senzaterra in concerto a Palizzi Marina, serata piuttosto simpatica, bella musica e la bizzarria di sentir cantare in romanesco in quel di Calabria.

Per chi fosse interessato il link di Myspace de i “Senzaterra”: http://www.myspace.com/senzaterramusic

Marzouk Ensemble – Palizzi Superiore

[singlepic id=78 w=304 h=406 float=center]

Segue il sontuoso suono mediterraneo di Marzouk Ensemble. Il gruppo guidato dal virtuoso polistrumentista tunisino Marzouk Mejri presenta un affascinante incrocio fra la musica malouf e le nuove composizioni, fra l’ancestrale suono della mezzoued e timbriche che ricordano il rai.

Un ensemble di virtuosi che ha movimentato la serata portando gli ascoltatori a fare un viaggio sulle acque del Mediterrano. Un ritmo travolgente e appassionante. Un rinnovato esempio di cosa accade quando le culture si mischiano e le suggestioni di altre terre ci trascinano lontano e ci portano un poco più in alto.

Cinuria Riza – Palizzi Marina

[singlepic id=73 w=405 h=304 float=center]

Con Musicofilia, Cumelca, Megali Ellada, Tela di Ragno, I rìzema, Eurito. Dall’AnticaRadice (PaleaRiza) alla Nuova Radice (CinuriaRiza), una serata dedicata alle nuove espressioni musicali del territorio grecanico. Il tutto nell’accogliente scenario dell’anfiteatro di Palizzi Marina.

Altra meravigliosa serata del Paleariza. Questa volta nel quadro di Palizzi Marina e con una pletora di gruppi che hanno portato una riflessione di collegamento tra la radice culturale della musica grecanica e le evoluzioni che da essa promanano.
Nella foto il gruppo “Musicofilia”.

Pis trechi glìgora de thorì tìpote
Chi va veloce non vede nulla