Il mio regno, il mio regno per un alito di libertà a gonfiar le mie vele

[singlepic id=166 w=399 h=266 float=center]

Cajo Gracco: Fulmine colga,
Sperda que’ tristi che per vie di sangue
Recando libertà recan catene,
Ed infame e crudel più che il servaggio
Fan la medesma libertà.

Vincenzo Monti, Cajo Gracco – Atto 2.