Angelo Branduardi – San Carlo – Paleariza

[singlepic id=388 w=420 h=280 float=center]

Non c’è più vento per noi
tempo non ci sarà
per noi che allora cantavamo
con voci così chiare
Non c’è più tempo per noi
vento non ci sarà
per noi che abbiamo navigato quel mare così nero
Ma se la vita è tempesta, tempesta allora sarà.

La Tempesta, Angelo Branduardi

Ecco l’ultimo concerto dell’estate 2011. E pure questa è fatta, cioè, anche quest’anno è andata. Ora ci si comincia a preparare per il rientro al fronte. Sangue, sudore e tempeste, per altri otto mesi di puro delirio. Il concerto è stato carino, non ha fatto quello che aveva messo in programma … aveva venduto un Branduardi canta Yeats, ma è finita in Branduardi canta Francesco e qualcuno dei suoi classici. Un concerto, comunque, piacevole. In coda qualche altra foto del concerto.

[nggallery id=12]

P.S. Complimenti, come al solito, per l’organizzazione del Paleariza. Anche quest’anno non hanno deluso le aspettative.

Roy Paci & Aretuska – Paleariza – Chora tu Vua

[singlepic id=342 w=420 h=280 float=center]

 

Dal concerto di Roy Paci e degli Aretuska, per la serata finale del Paleariza 2011 presso Bova Superiore, in grecanico, Chora tu Vua. Un gran bel concerto, energia, intensità, gioia e bellezza. Sotto la galleria delle altre foto fatte durante il concerto, con lo scotto di gomitate, pestate di piedi e una mezza secchiata d’acqua. Tra le note al margine, veramente un bel tributo a Rino Gaetano con una versione aggiornata di “nun te reggae più” e la sempre grande soddisfazione di sentire una piazza che canta l’immortale, almeno spero, “Bella Ciao“.

Galleria Fotografica:

[nggallery id=11]

Rovine da salvare

[singlepic id=306 w=420 h=280 float=center]

“Avea raggiunto uno dei più alti fini della sua ambizione. In una contea nota per l’abbondanza di ruderi antichissimi; in un villaggio nel quale esistevano ancora delle memorie di un remoto passato, egli — presidente del Circolo Pickwick — avea scoperto una strana e curiosa iscrizione di incontrastabile antichità, che era sfuggita all’osservazione di molti eruditi che lo avevano preceduto.”

Charles Dickens – Il circolo Pickwick

Il monastero, di epoca basileana, della Lica (o dell’Alica), nella frazione di Pietrapennata, Palizzi, RC. Visitato nel corso di un trekking del festival Paleariza. Uno dei piccoli gioielli d’Italia e di Calabria che avrebbe un grande bisogno di essere valorizzato e difeso. Ci sarebbe da soddisfare almeno la necessità di recintare l’area per impedire al bestiame di entrare nei ruderi e di consolidare quello che resta delle mura e del campanile. Tentiamo almeno di salvare i gioielli di famiglia e di usarli per il rilancio dell’area.

L’Universo Oscuro – Richard Panek

“Benissimo. La storia dell’astronomia è piena di scoperte che sembrano fatte apposta per ridimensionare Homo sapiens. Ma, in cambio di queste lezioni di irrilevanza, abbiamo sempre potuto dire di aver quantomeno conseguito una conoscenza più approfondita dell’universo.”

Inizio questa recensione con un po’ di insana autoreferenzialità, avevo scritto un po’ di tempo fa la recensione del libro “I Re del Sole, il racconto dell’astronomia moderna.“, quest’opera si può considerare come un’ottima aggiunta a [singlepic id=305 w=200 h=290 float=left] quel, già di suo molto pregevole, lavoro. Penso, o almeno mi piace pensarlo, che almeno una volta nella vita ognuno di noi abbia avuto l’occasione e il piacere di potersi sdraiare, o almeno sedere, sotto un cielo stellato, di rivolgere lo sguardo verso le profondità del cosmo e di meravigliarsi davanti al suo spettacolo sublime. Sappiate, anche se spero lo sappiate già, che quello che avete visto e che vi ha meravigliato è praticamente un niente, un filo di paglia in un pagliaio. Già nel 1609 Galileo Galilei ha aperto ulteriormente i nostri occhi e ci ha spinto a guardare ancora più in profondità, mostrandoci le valli sulla Luna, i satelliti di Giove, le fasi di Venere e le macchie sul Sole. E, ancora, questo è niente di tutto quello che l’universo ha da mostrarci. Sulla scia di questo ampliarsi di orizzonti, una costante dell’astronomia per non dire della scienza in generale, si muove il racconto dell’Universo Oscuro di Panek.

Attraverso la storia di alcuni gruppi di ricerca e di alcuni scienziati si ripercorre l’ascesa della cosmologia da filosofia a scienza. Il passaggio dalla pura speculazione filosofica, ed in alcuni casi puramente matematica, alla formulazione di esperimenti e quindi la ricerca di prove che possano verificare la teoria e costruire scenari coerenti, fino alla possibilità di ottenere uno scenario di riferimento unico. Il libro scorre velocemente, tutte le volte che viene introdotta un’idea o un concetto tecnico, la spiegazione arriva puntuale, asciutta e molto chiara, per quelli che ne sono terrorizzati, formule matematiche non se ne vedono, numeri ogni tanto, con parsimonia, ma con i valori da capogiro, di quelli che facciamo fatica ad immaginare.

A questo punto giusto due parole sul perché e in che senso l’Universo è oscuro. Nelle vostre notti stellate, quelle di cui sopra, forse vi sarete posti la domanda, ma quante stelle ci sono? Ecco, in modo un po’ più formale, ci si potrebbe chiedere qual è la massa dell’Universo? Sostanzialmente, quanta roba c’è la fuori? Il primo modo, che per quanto ingenuo con un po’ di accorgimenti funziona, è puntare il telescopio al cielo e cominciare a contare tutta la materia che potete vedere, un po’ di pazienza e molte dita delle mani dopo arrivate ad una prima stima. Ora metodo vuole di rifare il conto in un altro modo, questa volta aggiungendo al conto un po’ di carta, penna e matematica. Si calcolano gli effetti gravitazionali della massa vista usando le equazioni della relatività generale, si controllano traiettorie, comportamenti e velocità e si vede che il conto non coincide, assolutamente, col precedente. Fatti i dovuti controlli, sbattendo la testa per un po’, alla fine ci si arrende al fatto che non tutto quello che c’è si vede. Cioè che c’è molto di più di quello che si vede. Anzi, è ancora peggio, oltre ad esserci materia mancante c’è pure un’energia mancante e che non sappiamo come vedere. Tutto l’universo che vediamo e di cui siamo fatti è una quantità tra il 4% e il 5%. Il resto? Benvenuti alle frontiere della cosmologia moderna.

Recensione pubblicata anche su: http://lalibreriaimmaginaria.splinder.com/.