Il Cappotto – Nikolaj V. Gogol

“Così, in un dipartimento prestava servizio un impiegato: non si può dire che fosse un impiegato molto ragguardevole: di statura era piccolino, era un po’ butterato, un po’ rossiccio, persino (a vederlo) un po’ miope, con una piccola calvizie sulla fronte, con rughe sulle due guance e con quel colore del volto che si chiama emorroidale … Che farci!”

Quello con Gogol è stato quasi un innamoramento cominciato con “Le Anime Morte” e proseguito con “Le Veglie alla Fattoria di Dikanka” che ha  [singlepic id=274 w=200 h=330 float=left] finalmente avuto l’occasione di incontrarsi col Cappotto, proprio quello da cui, secondo Fëdor Dostoevskij, “Siamo tutti usciti“. Anche questa volta, è stato un piacere accompagnarsi alla penna e al genio di Gogol: farsi guidare per le strade di Pietroburgo, dentro gli uffici dei dipartimenti, nelle piazze vuote sferzate dal vento e dalla neve.

La grande particolarità di questa esperienza, di questo viaggio, è il mezzo. Sulle spalle di una mosca, di un’esistenza effimera, meccanica: un automa che si lascia trasportare nel fluire della vita come una foglia abbandonata al vento. Si potrebbe quasi affiancare il protagonista, Akakij Akakievic, alla figura letteraria dell’inetto, ma questo, probabilmente, per lui sarebbe già un salto di qualità. L’inetto, sebbene tale, esiste, è; Akakij non esiste, è solo un’increspatura. Molta della capacità narrativa di Gogol sta nel riuscire a trasmettere l’immagine di questo personaggio senza farlo sembrare fittizio, l’uso di un narratore esterno che ne segue il vagare senza meta, che ne descrive le bizzarrie, il suo essere costantemente fuori posto, una storia intessuta in modo da concatenare gli eventi in modo che risultino necessari, incastrati in una logica ferrea dalla quale non c’è scampo. La comparsa del “Cappotto” a ricordargli per un momento che è umano, che esiste, la sua incapacità di gestire questa sua umanità e da questa sua incapacità il naufragio finale.

Rispetto agli altri due libri citati all’inizio, questo è probabilmente il migliore con cui iniziare a conoscere ed apprezzare Gogol, pur essendo molto breve, raccoglie in sé molti dei tratti salienti dello stile e del suo modo di vedere il mondo.

Recensione pubblicata anche su: http://lalibreriaimmaginaria.splinder.com/.