L’ultimo giorno di un condannato – Recensione

Anche se quanto sto scrivendo riuscirà utile un giorno ad altri, frenerà il giudice dal giudicare, salverà degli infelici, innocenti o colpevoli, dall’agonia cui m’hanno condannato, ebbene? A che pro? Che me ne viene? Quando m’avranno tagliato la testa, cosa m’importerà se la taglieranno anche ad altri? Come ho potuto pensare simili follie? Smantellare il patibolo dopo esservi salito! Ditemi voi a che mi gioverà.

Quest’opera venne pubblicata per le prime due edizioni senza firma, ma con un invito a pensare che fosse la reale trascrizione dei fogli scritti durante le ultime sei settimane prima dell’esecuzione. Forse Hugo voleva rendersi conto [singlepic id=194 w=200 h=360 float=left] dell’accettazione che avrebbero avuto dell’opera i suoi contemporanei, o forse voleva incrementare l’autenticità del racconto rendendolo reale. In ambedue i casi a noi resta questo piccolo capolavoro, con la sua forza e la sua autenticità, un caso in cui la finzione è più reale di una qualsiasi cronaca. Il ritmo incalzante del racconto in prima persona, l’uso continuativo dell’antitesi da la possibilità di avvicinare sfere di pensiero lontane, la famiglia e la solitudine del carcere, il destino dei forzati e quello dei condannati a morte e così via in un confronto stringente che anima tutto il racconto. L’orologio che scandisce il tempo, che mi ha ricordato il rintocco dell’orologio in “The Tragical History of Doctor Faustus” di Marlowe, l’impressione di vedersi fuggire via la vita secondo dopo secondo, la continua domanda “sarà oggi?” o “che giorno è?“, tutto questo elegge come nemico principale del condannato, non la morte, quanto il tempo che col suo scorrere ne logora l’essenza, tanto da fargli desiderare a fasi alterne un’immediata morte o i lavori forzati a vita. In definitiva un’opera coinvolgente, importante e che consegna un grande messaggio sulla vita, la giustizia e la morte. Ne consiglio la lettura a tutti, ma, soprattutto, a chi, ancora, pensa che la pena di morte sia giustificabile, troverà in questo libro un’argomentazione più convincente di qualsiasi discorso astratto sulla giustizia.

Recensione pubblicata su: http://lalibreriaimmaginaria.splinder.com/

La via prosegue …

[singlepic id=192 w=399 h=266 float=center]

<<Gli elfi vivono in quei boschi?>>, chiese.
<<No, che io sappia>>, rispose Pipino. Frodo era silenzioso. Anche lui fissava le giravolte della strada, come se le vedesse per la prima volta. Improvvisamente disse ad alta voce, ma come a se stesso:

La via prosegue senza fine
Lungi dall’uscio dal quale parte.
Ora la Via è fuggita avanti,
Devo inseguirla ad ogni costo
Rincorrendola con piedi alati
Sin all’incrocio con una più larga
Dove si uniscono piste e sentieri.
E poi dove andrò? Nessuno lo sa.

<<Sembrano versi del vecchio Bilbo>>,  disse Pipino. <<Oppure è una tua imitazione? Non molto incoraggiante, comunque>>.

J.R.R. Tolkien, Il Signore degli Anelli – La Compagnia dell’Anello

Tanti Auguri Newton!

[singlepic id=190 w=370 h=275 float=center]

“Ma la scienza se deve prosperare, non deve mirare a scopi pratici. Come regola generale, il sapere e i metodi che crea perseguono scopi gli scopi pratici solo indirettamente, e in molti casi, non prima che siano trascorse diverse generazioni. Trascurare la scienza porta alla susseguente povertà di intellettuali capaci, in virtù dell’indipendenza della loro visione e del loro giudizio, di illuminare nuovi percorsi per l’industria o di adattarsi alle nuove situazioni. Laddove la ricerca scientifica viene bloccata, la vita intellettuale della nazione si inaridisce, il che significa il prosciugamento di tante possibilità di futuro sviluppo. Ecco quello che dobbiamo prevenire”

Albert Einstein, Il mondo come io lo vedo

Tanti auguri di buon anniversario della nascita di Newton, un modo per ricordare il ruolo della scienza e della conoscenza!

Il mondo come io lo vedo – Recensione

“Fino al XVII secolo i sapienti e gli artisti di tutta Europa erano strettamente uniti dal legame di un comune ideale e la cooperazione fra loro era scarsamente ostacolata dagli eventi politici. Tale unità veniva ulteriormente rafforzata dall’uso generale della lingua latina. Oggi consideriamo quello stato delle cose come un paradiso perduto.”

Chi sia Albert Einstein mi piace supporre sia cosa nota, se questo non fosse noto il primo signore anziano che vedete in foto con i capelli arruffati e la lingua elegantemente in pernacchia ecco, è lui, l’ideatore della teoria della Teoria della Relatività e premio Nobel per la Fisica.  [singlepic id=191 w=200 h=307 float=left]  In questo libro, una raccolta di lettere, articoli e pensieri sparsi, ma non a caso, si ha la possibilità di conoscerlo, anche se probabilmente solo marginalmente, come uomo e come pensatore. La raccolta è divisa in quattro parti “Il mondo come io lo vedo“, “Politica e pacifismo“, “Germania 1933” e “Gli ebrei“. Di queste, volendo creare un’ordine di attualità, le prime due sono quelle che trattano di temi più generali che, considerando la natura umana e il corso degli eventi, resteranno argomento di discussione per molto. Per questo motivo, voglio soffermarmi, in primo luogo, sulle ultime due. In Germania 1933 sono riportate una serie di lettere tra Einstein e l’accademia Prussiana delle Scienze che ci ricordano qual’è il rischio di vedere le istituzioni culturali soccombere al potere politico. In Gli ebrei si parla di sionismo, della ricostruzione della Palestina e dello stato di Israele e il Fisico ci racconta che “L’obiettivo a cui mirano i capi del sionismo non è politico, bensì sociale e culturale. La comunità in Palestina deve avvicinarsi all’idea sociale dei nostri antenati come è scritto nella Bibbia, e al contempo diventare un luogo di vita intellettuale moderna, un centro spirituale per gli ebrei di tutto il mondo“, tacciare ora Einstein di essere uno sprovveduto o un illuso sarebbe ingeneroso e oltremodo facile. Criticare chi ha provato a vedere il futuro e a impegnarsi nella sua costruzione sapendo già come si è evoluta la questione non è mai l’atteggiamento adatto. Certamente si può testimoniare la ferrea volontà di plasmare un futuro migliore  e pervaso dalla pace in cui gli Ebrei e tutti gli altri esseri umani potessero vivere e non sopravvivere. Con questo ponte ci si può avvicinare alla seconda parte, Politica e pacifismo, in cui alcune idee radicali, come il disarmo e l’equa redistribuzione del lavoro per passare oltre il capitalismo, sono ancora attuali e, purtroppo, non raggiunte. Da queste pagine si riceve l’impressione più forte della personalità di Einstein, della sua vocazione politica e della forza dirompente delle sue idee, parlare di disarmo alla fine della seconda guerra mondiale, con l’eco di Hiroshima e Nagasaki nelle orecchie, con il senso di colpa di aver partecipato, almeno in parte, al programma nucleare. Il coraggio di liberare il proprio pensiero dai lacci e di orientarlo verso il futuro, per plasmarlo e metterlo in atto. Per quanto riguarda l’ultima parte, cioè la prima, qui conosciamo il filosofo nascosto nel fisico, che a partire dalla libertà del suo pensiero e dall’attitudine alla razionalità esercitata nello studio della natura, indaga sull’uomo a tutto tondo, si domanda del bene e del male, osserva la contemporaneità e si tiene aggiornato sullo sviluppo della cultura. Scrive a Freud, interloquisce con Shaw e commemora la memoria di scienziati come Lorentz, parla di divulgazione scientifica e di passione per la scoperta delle leggi del mondo. Questa piccola, anche se solo nel formato, opera ci restituisce l’uomo e il pensatore che si nasconde dietro energia uguale a massa a riposo per velocità al quadrato, mostrandoci che quella dicotomia tra pensiero “umanistico” e “scientifico” esiste solo nella mente di chi non riesce ad afferrare l’unità della mente umana e delle sue passioni.

In conclusione, chiedendo perdono della lungaggine, voglio spendere due parole sull’edizione, che, come si vede dalla copertina, è quella pubblicata con il Corriere della Sera al modico prezzo di 1 €. Plauso per la scelta di pubblicare i classici del pensiero libero e per la decisione di mantenere il prezzo basso, però … il volume poteva essere curato con più attenzione. In più di un punto ci sono parole tradotte due volte, come se ci fosse un’incertezza del traduttore che si appunta due possibili traduzioni, riservandosi poi di scegliere quella più adatta, e se ne dimentica. La punteggiatura qua e la si prende il privilegio di sparire, insomma errori grossolani che si poteva evitare facilmente. Finite anche le lamentale, non mi resta che augurarvi buona lettura!

Recensione pubblicata anche su: http://lalibreriaimmaginaria.splinder.com/

Guardo AnnoZero e ricordo …

Presidente Cossiga, pensa che minacciando l’uso della forza pubblica contro gli studenti Berlusconi abbia esagerato?

«Dipende, se ritiene d’essere il presidente del Consiglio di uno Stato forte, no, ha fatto benissimo. Ma poiché l’Italia è uno Stato debole, e all’opposizione non c’è il granitico Pci ma l’evanescente Pd, temo che alle parole non seguiranno i fatti e che quindi Berlusconi farà una figuraccia».

Quali fatti dovrebbero seguire?

«Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand’ero ministro dell’Interno».

Ossia?

«In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito…».

Gli universitari, invece?

«Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».

Dopo di che?

«Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».

Nel senso che…

«Nel senso che le forze dell’ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».

Anche i docenti?

«Soprattutto i docenti».

Presidente, il suo è un paradosso, no?

«Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che indottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».

E lei si rende conto di quel che direbbero in Europa dopo una cura del genere? «In Italia torna il fascismo», direbbero.

«Balle, questa è la ricetta democratica: spegnere la fiamma prima che divampi l’incendio».

Quale incendio?

«Non esagero, credo davvero che il terrorismo tornerà a insanguinare le strade di questo Paese. E non vorrei che ci si dimenticasse che le Brigate rosse non sono nate nelle fabbriche ma nelle università. E che gli slogan che usavano li avevano usati prima di loro il Movimento studentesco e la sinistra sindacale».

E’ dunque possibile che la storia si ripeta?

«Non è possibile, è probabile. Per questo dico: non dimentichiamo che le Br nacquero perché il fuoco non fu spento per tempo».

Il Pd di Veltroni è dalla parte dei manifestanti.

«Mah, guardi, francamente io Veltroni che va in piazza col rischio di prendersi le botte non ce lo vedo. Lo vedo meglio in un club esclusivo di Chicago ad applaudire Obama…».

Non andrà in piazza con un bastone, certo, ma politicamente…

«Politicamente, sta facendo lo stesso errore che fece il Pci all’inizio della contestazione: fece da sponda al movimento illudendosi di controllarlo, ma quando, com’era logico, nel mirino finirono anche loro cambiarono radicalmente registro. La cosiddetta linea della fermezza applicata da Andreotti, da Zaccagnini e da me, era stato Berlinguer a volerla… Ma oggi c’è il Pd, un ectoplasma guidato da
un ectoplasma. Ed è anche per questo che Berlusconi farebbe bene ad essere più prudente»

Gente di che stiamo parlando? Di violenza? Di rabbia? Forza e coraggio!