Prometeica solitudine

[singlepic id=178 w=270 h=403 float=center]

Fama è che allor Prometeo, fuggendo
Le sedi auree d’olimpo e de le sfere
L’ immortal suono, al nostro mondo errasse
Peregrino divin. Muto correa
Il sole almo e la luce
Per l’infinito oceano, e del mondo
L’ ignota solitudine tacea:
Deserta s’accogliea
La greggia umana a l’ombra
De la gran selva de la terra:ed egli
Seco recava nel fatal cammino
Il rapito dal ciel fuoco divino.
Se non che dura a tergo
Gli si premea la Forza e la ferrata
Necessità: scuotea l’una i legami
De l’adamante eterno, e l’altra i chiovi
Con la imminente mano
Su la fronte stendea del gran Titano:
Mentre ìl Saturnio ne la rupe infame
Instigava del negro augel la fame.
Ma rinfiammò in Orfeo
L’inestiguibil foco, ed egli mosse
Il duro sasso de le umane menti
Citareggiando e le foreste aurite;
Fin che pittore de l’ uman pensiero
Pari a’ numi ed al fato alzossi Omero.

Giosuè Carducci, Juvenilia, Libro Quarto – Prometeo