Ripoetandoci – Canino 18 Luglio 2009

[singlepic id=69 w=406 h=345 float=center]

Album fotografico facebook della serata: http://www.facebook.com/album.php?aid=120345&id=1088457546&l=1d83d6356

Eccoci di nuovo in sede narrativa di un evento. Ieri sera (il 18 Luglio 2009), in contemporanea all’apertura dei mondiali di nuoto (cosa non prevista in fase organizzativa), si è svolta a Canino una meravigliosa serata di poesia in piazza. Il bilancio dell’evento è decisamente positivo. La risposta del pubblico è stata buona, gli attori della compagnia teatrale di Liberamentegiovani (www.liberamentegiovani.net) sono stati semplicemente meravigliosi e il tutto si è svolto con la serenità e la tranquillità necessaria (magari la vicinanza della balera all’aria aperta ha un poco disturbato, ma è lo stesso). Già che ci sono, faccio di nuovo i complimenti a tutti.

Saluto riportando la poesia fatta leggere, un paio di versi a testa, a persone nel pubblico. Una poesia condivisa per rendere partecipe il pubblico dell’azione ripoetante.

Portami il girasole ch’io lo trapianti
nel mio terreno bruciato dal salino,
e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti
del cielo l’ansietà del suo volto giallino.

Tendono alla chiarità le cose oscure,
si esauriscono i corpi in un fluire
di tinte: queste in musiche. Svanire
è dunque la ventura delle venture.

Portami tu la pianta che conduce
dove sorgono bionde trasparenze
e vapora la vita quale essenza;
portami il girasole impazzito di luce.

Eugenio Montale

Non bruciamoci il futuro…

httpv://www.youtube.com/watch?v=eUCnQJ1lTg0

GLI AMICI DI BEPPE GRILLO ROMA, INSIEME A 50 COMITATI REGIONALI SOSTENGONO LA CAMPAGNA NON BRUCIAMOCI IL FUTURO DELLA REGIONE LAZIO: DALL’ 11 LUGLIO FIRMA A FAVORE DELLA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE PER UNA REGIONE LAZIO SENZA INCENERITORI.

GLI AMICI DI BEPPE GRILLO raccoglieranno le firme a:

  • ROMA: Piazza S. SONNINO (lato opposto al cinema Reale) dalle 18 alle 24
  • ALBANO: Piazza SAN PIETRO dalle 11 alle 20
  • VELLETRI: Via LATA 50 (festa tesseramento velletri a 5 stelle) dalle 19,30 in poi
altri banchetti a:
  • ROMA: Piazza MASTAI dalle 16 alle 24
  • CIVITAVECCHIA: Piazza REGINA MARGHERITA (zona mercato) dalle 9 alle 13 – Piazza FRATTI (zona il ghetto) dalle 17 alle 23
  • ANAGNI: (Loc. OSTERIA DELLA FONTANA) davanti la Chiesa di San Giuseppe dalle 9,30 alle 22
  • FIUMICINO: Mercato Via FOCE MICINA angolo Via DELLE OMBRINE dalle 9 alle 13
  • CECCHINA: Piazza S. D’ACQUISTO dalle 21 in poi
  • PAVONA: Piazza DEL MERCATO dalle 20 in poi

Appello ripreso dal sito dei Grilli Romani, http://www.grilliromani.it

Qfwfq

Etna dalla costa calabrese

“Quello che veramente ognuno di noi è ed ha, è il passato; quello che siamo e abbiamo è il catalogo delle possibilità non fallite, delle prove pronte a ripetersi. Non esiste un presente, procediamo ciechi verso il fuori e il dopo, sviluppando un programma stabilito con materiali che ci fabbrichiamo sempre uguali. Non tendiamo a nessun futuro, non c’è niente che ci aspetta, siamo chiusi tra gli ingranaggi d’una memoria che non prevede altro lavoro che il ricordare se stessa.”

Italo Calvino, Ti con Zero

Il piacere di aver visto concludersi un’esperienza si fa memoria. Diventa una possibilità non fallita e, non so se purtroppo o per fortuna, una prova pronta a ripetersi innumerevoli volte, forse, fino a diventare routine. I fuochi d’artificio sono stati esplosi. Si attende la prossima svolta e si osserva, con l’occhio della memoria, l’Etna da una collinetta in quel della Calabria. Un giardino segreto.

Ripoetandoci

[singlepic id=68 w=290 h=406 float=center]

Canino (VT)
Piazza Costantino De Andreis
Sabato 18 Luglio 2009
ore 21.00

L’organizzazione di questa serata di poesia-in-piazza, con la scelta di questo particolare titolo, vuole essere il richiamo ad un rinnovamento dei linguaggi della comunicazione. Il richiamo è ad una tensione di ricerca di una forma comunicativa rinnovata e che nasca dalle profonde intenzionalità della coscienza. Attraverso questo processo si vuole porre una distanza dalla ostentata volgarità dei linguaggi che connotano la nostra società. La possibilità che riconosciamo alla comunicazione poetica è quella di poter produrre un sistema di relazione che si costituisca come atto di massima creatività e come strumento introspettivo del profondo valore delle emozioni umane.

Attraverso la riscoperta del linguaggio poetico è possibile recuperare sensibilità e attenzione verso il mondo, rinnovando con nuovo vigore il rapporto comunicativo interpresonale. Per farlo è necessario riconquistare le suggestioni evocative della  “musicalità” del verso per rieducarci alla complessa policromia dell’animo umano.
La speranza è quella di avviare una feconda riflessione “poetica”, poiché, come affermava Ralph Waldo Emerson, “Solo la poesia ispira poesia”.

Fabio Durastante

Interpreti:

  • Lucrezia Coletti – legge le poesie di Regilda Loretani
  • Matteo Maida – legge le poesie di Lara Mancini
  • Martina Malfitana – legge le poesie di Fiorella Tassoni
  • Edoardo Massa – legge le poesie di Lando Crocetti
  • Marta Lapiana – legge le poesie di Mahshad Eslami
  • Rachele Tombolella  – suona al pianoforte

Scarica la brochure.

Link: